Iperico e i suoi rimedi

Aggiornato il: 4 feb 2019

Dal luogo dove scrivo, il Piemonte, è una pianta molto interessante che si trova sulle Alpi e che veniva utilizzata dai nostri nonni per fare un olio contro le scottature e i grossi lividi.

Iperico - https://pixabay.com/it/users/byrev-23277/

Ancora oggi ci sono persone che d'estate si passano la domenica in montagna per raccogliere un po' di Iperico, macerarlo, mediamente olio di oliva per produrre un olio rosso per tutte quelle scottature (senza ferita aperta). Altri nella tradizione popolare lo usano per grandi lividi prodotti da urti o colpi.

L'iperico (Hypericum perforatum) è una pianta della famiglia delle Hypericaceae.

Raggiunge circa un metro di altezza producendo un piccolo cespuglio principalmente legnoso con tante piccole foglie a forma di goccia. Ci sono dei fiori simili ma si riconosce che è Iperico dal fiore che è piccolo a forma di stella a cinque punte e, se strofinato nelle punte delle dita, le colora di rosso.


Oleolito

Possiamo differenziare la preparazione del oleolito di iperico in due famiglie:

  • macerazione normale,

  • preparato spagirico.

Il primo è la preparazione popolare dei nostri nonni che, durante la scampagnata in montagna, macera i fiori raccolti per 20 giorni al sole. L'oleolito deve rimanere al sole durante il giorno e ritirato la notte, poi viene filtrato e tenuto al buio per tutto il tempo per impedire l'irrancidimento.

Ci si raccomanda che la bottiglia rimanga comunque chiusa ermeticamente per impedire che l'ossigeno porti di nuovo al irrancidimento del tutto. Ideale è la macerazione in olio di ricino, molto più duraturo degli altri oli.

La preparazione spagirica comprende la raccolta in un tempo astrologico specifico, sempre la macerazione, poi il filtraggio e spremitura dove i resti che rimangono vengono calcinati ad alta temperatura arrivano ai sali che vengono presi e ributtati nell'olio. Il preparato spagirico risulta molto più concentrato e completo dell'altro.


Utilizzo

Iperico - https://pixabay.com/it/users/antranias-50356/

Facciamo finta di essere come Paracelso, abbiamo detto che il fiore, se strofinato le colora le dita di rosso sangue. Quindi quali azioni promuove?

Utilizzato specificamente per lividi e per bruciature che però non devono avere delle ferite che producono liquido.

Le sue sommità fiorite sono ricche di flavonoidi e svolgono un'azione antidepressiva e sedativa che viene usata frizionando l'olio sul retro del collo e nella zona del cuore.

Particolarmente indicato come stimolante, toglie la febbre, rafforza il sistema immunitario.

Alcuni lo trovano indicato per le problematiche degli occhi come la miopia, lo strabismo, l'astigmatismo, gli orzaioli.

Frizionato sulla pelle la sera nella zona del fegato aiuta a farlo funzionare meglio, drena i suoi liquidi ed è utile per le dispepsie, la diarrea e l'emicrania di origine epatica.

Sull'apparato osteo-articolare aiuta la sciatalgia muscolare, la gotta, l'artrite e le nevralgie.

In versione tintura madre viene indicato per ridurre orchiti e epididimiti.


Utilizzo energetico/emozionale

E' indicato soprattutto per trasformare in opportunità gli ostacoli che si frappongono tra noi e il proseguire della nostra giornata.

Come dire che se il sangue che circola del tuo corpo è non deve fermarsi per non fermare il divenire della nostra giornata, un livido, una stagnazione, una zona rigonfia di liquidi, è un momento in cui le "cose" si fermano. Questo olio fluidifica le situazioni, aiuta a progredire e a muoverci più facilmente, cercando di togliere gli ostacoli che ci creiamo.

Ancora è indicato per le persone che sono particolarmente in ritardo perché, di nuovo, sblocca i momenti di stagnazione.


Controindicazioni

Fluidifica il sangue, quindi poco indicato per tutti coloro che hanno subito ferite o operazioni chirurgiche.

Essendo una pianta che provoca un aumento della tranquillità, non va usata con antidepressivi in quanto aumentano la loro potenza.

L'oleolito è fotosensibile, ogni trattamento deve essere fatto senza esposizione al sole successiva per non macchiare la pelle, mediamente schiarendola (anche se per questa caratteristica può proprio essere usato in inverno per schiarire le macchie e avere una pelle più uniforme nel momento dell'arrivo della primavera.

NOTA

Il contenuto di questa pagina, scritto o video, comporta delle semplificazioni. Considera le informazioni pubblicate in questa pagina come di carattere generale e non coprono tutti gli aspetti dell'argomento. Nessun parere inserito in questa pagina vuole sostituirsi al parere del medico di fiducia.


#iperico #hypericum_perforaturm #hypericumperforatum #lividi #scottature #depressione #fotsensibile #benessere



26 visualizzazioni

© 2018 | 2020 - un progetto @yourbest basato su struttura editoriale di Carolina. Creato con Wix.com